E’ DELLA LUBE GARA 1 DEI QUARTI PLAY OFF UNIPOLSAI: Marzo 2018, NOTIZIE WIXO LPR VOLLEY





E’ DELLA LUBE GARA 1 DEI QUARTI PLAY OFF UNIPOLSAI: Marzo 2018, NOTIZIE WIXO LPR VOLLEY


NOTIZIE WIXO LPR VOLLEY

elenco completo
11.03.2018 - E’ DELLA LUBE GARA 1 DEI QUARTI PLAY OFF UNIPOLSAI

CUCINE LUBE CIVITANOVA – WIXO LPR PIACENZA 3-0 (25-21, 25-20, 25-14)
 
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 11, Candellaro n.e., Sander n.e., Marchisio n.e., Juantorena 13, Casadei n.e., Stankovic 4, Kovar 8, Grebennikov (L), Christenson 3, Cester 4, Milan. N.e., Zhukouski n.e.. All. Medei.
WIXO LPR PIACENZA: Manìà (L), Parodi 3, Alletti 2, Giuliani (L), Marshall 5, Di Martino, Baranowicz 1, Kody, Yosifov 5, Fei 11, Clevenot 10. N.e. Hershko, Cottarelli. All. Giuliani.
 
CUCINE LUBE CIVITANOVA
Battuta
Ace 4
Errori 13
 
Ricezione
Positiva 50%
Perfetta 19%
 
Attacco 44%
 
Muri 11
 
WIXO LPR PIACENZA
Battuta
Ace 2
Errori 21
 
Ricezione
Positiva 48%
Perfetta 10%
 
Attacco 41%
 
Muri 5
 
Civitanova – E’ della Lube Gara 1 dei Quarti Play Off Scudetto UnipolSai. La Wixo LPR combatte a testa alta e mette pressione ai padroni di casa nei primi due parziali: gli uomini di coach Medei, in più occasioni, non possono far altro che lasciare la strada ai piacentini. Piacenza corre sul 12-15 nella prima frazione e sul 6-8 nel secondo set ma poi a Fei e compagni viene a mancare qualcosa per tenersi avanti ai Campioni d’Italia.
Complici un Juantorena in gran spolvero (13 punti e MVP a fine match) sempre pronto ad entrare in scena nei momenti critici della sua Lube ed una battuta ed un muro marchigiano che si alternano rendendo la vita davvero difficile a Fei e compagni, gli uomini di coach Giuliani non possono che difendersi cercando di mettere in campo determinazione e voglia di non arrendersi.
Il punto a punto ed il pieno equilibrio dei primi due parziali si smorza però nella terza frazione, comandata dal principio dai Campioni d’Italia: Juantorena e Sokolov dominano la scena, Piacenza spegne i motori e riesce a guadagnarsi poche possibilità di andare a segno. Il match si chiude sul 25-14.
Ora immediatamente testa a domenica 18 marzo quando Civitanova farà visita a Piacenza con l’obiettivo di chiudere la Serie dei Quarti subito in Gara 2. Fei e compagni, guardando al passato, non sono nuovi a colpi di scena e, per Gara 2, tenteranno di vendere molto cara la propria pelle anche grazie all’aiuto del pubblico di casa del PalaBanca.
 
LA GARA
Coach Medei per Gara 1 dei Quarti Play Off SuperLega UnipolSai schiera in campo Christenson in regia, Sokolov opposto, Juantorena e Kovar schiacciatori, Stankovic e Cester al centro, Grebennikov libero.
Coach Giuliani risponde con Baranowicz al palleggio, Fei opposto, Marshall e Clévenot in posto 4, Alletti e Yosifov al centro, Manià libero.
Buon avvio di match per Piacenza che, con Baranowicz sui 9 metri, corre sull’1-2 (ace). Juantorena abbraccia il pareggio (2-2) poi il primo break è dei padroni di casa: la battuta in rete di Yosifov (5-4) permette a Kovar di murare l’attacco di Fei per il +2 (6-4). Alletti mura Juantorena per il 7-6, il primo tempo di Yosifov (9-8) lascia la scena a Baranowicz che, nuovamente in battuta, firma lo spettacolare ace del 10 pari. Il muro la fa da padrone in questo set: il block di Alletti su Sokolov vale il +1 (11-12) poi la battuta di Yosifov crea scompiglio nella ricezione marchigiana e Marshall ne approfitta per l’11-13. La quinta battuta sbagliata di Civitanova, sommata all’attacco out di Kovar, regalano il +3 (12-15) a Piacenza e porta i padroni di casa in time out. Ora è Piacenza a sbagliare: la battuta out di Fei più il primo tempo out di Alletti passano la palla a Sokolov che aiuta Kovar a conquistare il 15 pari: ora è Piacenza a correre ai ripari mettendo in pausa il gioco. Il punto a punto si esaurisce con Juantorena bravo a murare Fei sul 17-16. Civitanova corre sul +2 del 19-17 dell’attacco out di Clévenot con il francese che si fa subito perdonare fino ad aggiudicarsi il 19 pari, supportato anche dalla buona battuta di Baranowicz. Yosifov, in primo tempo, si mantiene a braccetto (20-20) ma il muro di Stankovic su Marshall (22-20) apre la strada alla battuta vincente di Juantorena (ace 23-20) con coach Giuliani pronto a fermare temporaneamente il set. Sokolov mura Marshall (24-20) che, a sua volta, blocca Juantorena sul 24-21. La Wixo LPR ha la possibilità di allungare il set ma Yosifov scaglia la battuta in rete per il 25-21.
Clévenot (2-2) e Stankovic (3-2) si litigano l’avvio del secondo parziale, Fei si aggiudica il 3 pari poi la pipe out di Jantorena, controllata tramite il video check, regala il 4-5 a Piacenza. L’invasione a rete di Kovar (5-6) concede la possibilità a Clévenot di piazzare a terra l’ace del +2 (5-7)   L’errore di Alletti (7-8) ed il muro di Christenson su Marshall (8-8) concede a Civitanova di fare suo un break pesante di 5-0: sull’11-8 coach Giuliani chiede di parlare con i suoi uomini. Al rientro Juantorena trova un varco nel muro della Wixo LPR (12-8) Cester però manda la battuta a rete (12-9) ma Fei, in battuta, dona subito il cambio palla ai padroni di casa (13-9). Il capitano biancorossi conquista la doppia cifra con la parallela del 13-10, coach Giuliani tenta di migliorare il muro inserendo Di Martino al posto di Alletti. Clévenot, bravo a trovare il mani out di Civitanova (14-11), lascia il palcoscenico a Yosifov a muro per il -2 (14-12). Kovar firma il +3 (15-12), il pallonetto di Fei rosicchia terreno (16-14), Parodi (entrato al posto di Marshall, 18-16) consegna il turno in battuta a Fei che crea confusione in casa Civitanova: l’incomprensione tra le fila dei padroni di casa regala il 18-17 a Piacenza e coach Medei chiede time out. La super difesa di Giuliani ed il recupero di Clévenot non bastano: Juantorena non si fa scappare l’occasione di piazzare a terra il +2 (20-18) e coach Giuliani chiede subito tempo. Al rientro l’azione sensazionale e al cardiopalma si conclude con l’attacco out di Kovar (20-19) che recupera terreno poco dopo con il muro vincente su Fei (22-19) ma il punto, controllato al video check su richiesta di Piacenza (invasione a muro), crea nervosismo e porta in casa Wixo LPR un cartellino giallo. Piacenza torna a punti grazie al pallonetto di Fei (23-20), la battuta di Baranowicz questa volta non va in porto (24-20), Sokolov sui 9 metri non commette errori per l’ace del 25-20.
Juantorena, nel terzo parziale, trova subito il 3-1 e Christenson supporta la causa Lube con l’ace su Clévenot del 4-1. Il 5-1 costringe coach Giuliani a richiamare i suoi uomini in panchina. L’attacco out di Clévenot porta coach Giuliani a sostituirlo per l’ingresso di Marshall, subito a segno per il 6-3. Civitanova viaggia sul velluto: il muro di Sokolov su Fei (8-3) e la pipe di Juantorena (9-3) bloccano la Wixo LPR che torna a punti con la diagonale di Fei del 9-4. Parodi recupera per il 10-6, Marshall lo segue per l’11-7 ma l’invasione a rete di Yosifov consegna il +6 alla Lube (13-7). Sul 15-8 coach Giuliani richiama i suoi in panchina che, al rientro in campo, tornano a segno grazie al muro di Yosifov (15-9) replicato immediatamente da Alletti per il 15-10. Per il recupero non basta la battuta sbagliata di Christenson (16-11): Juantorena e Sokolov salgono in cattedra fino al 20-11 conquistando un break di  4-0. Alletti ferma la fuga della Lube (20-11) poi Juantorena (21-11) e Cester (22-11) riprendono la corsa verso la chiusura. Fei (22-13) ci mette lo zampino ma la Lube ora è inarrestabile: Sokolov piazza a terra l’ace del 24-13, chiude Kovar sul 25-14.
 
HANNO DETTO
GIAMPAOLO MEDEI (allenatore Cucine Lube Civitanova): “Partita molto tirata nonostante il punteggio, e noi siamo stati bravi a tenerla sempre in pugno. I play off sono questi, in campo sale di tono l’agonismo e di conseguenza anche la tensione. Oggi ho visto la partita che mi aspettavo, adesso azzeriamo e pensiamo alla prossima”.

MICHELE BARANOWICZ (Wixo Lpr Piacenza): “Abbiamo giocato alla pari nei primi due set, nei quali tra l’altro abbiamo anche il rammarico di aver sciupato delle occasioni importanti. Poi la Lube ha cambiato marcia e per noi non c’è stata più storia. Per riuscire a tenere il loro passo deve riuscirci sempre tutto, e oggi non è stato così”.
 
E.U.




elenco completo



Internet partner: Sigla.com
[www.sigla.com]